Poiché ci avviciniamo alla Giornata mondiale degli Oceani 2018 e alle feste di Mundus maris e dei suoi soci in diversi paesi, sono arrivate le storie sull'oceano - in scrittura e in immagini - in risposta all'invito a partecipare al concorso giovanile per i premi Mundus maris. Siamo quindi lieti di presentare la giuria internazionale di quest'anno che è composta da un interessante mix di persone con diverse prospettive professionali, culturali e di età per il suo compito di selezionare i migliori contribute del motto di quest'anno: "Un oceano senza plastica".

Chantal Abord-Hugon

Ha lavorato per oltre 30 anni nella gestione e coordinamento di progetti e attualmente è la coordinatrice della Strategia Globale per l'Arte e la Cultura. Questo ambizioso progetto sociale mette le arti e la cultura al servizio dello sviluppo sostenibile della comunità acadiana nella provincia di New Brunswick, Canada, e si basa sulla collaborazione con i vari settori della società.

Dapprima era responsabile della creazione e dell'esecuzione di un programma di impegni pubblici che collega i problemi di sviluppo locali e internazionali. Ha lavorato in particolare con le donne delle comunità costiere del Canada e di altre nazioni, come organizzatrice e pianificatrice di piani di sviluppo.

Chantal è già stata attiva nella giuria internazionale del 2017.

 

 

Aminata Ba

è una specialista di genere; lei lavora nello sviluppo internazionale. In precedenza, ha lavorato per oltre 10 anni in Senegal come ufficiale nazionale. Ha conseguito una laurea specialistica in microfinanza e una laurea magistrale in popolazione e sviluppo presso l'Università Libre di Bruxelles.

Aminata è appassionata nel portare maggiori opportunità per donne e ragazze, in particolare per le più escluse.

Anna Balzerini

È geologa dell'Università di Torino, Italia, specializzata in Geologia Ambientale e Applicata; lavora in Belgio dal 1992; esperta in scienze della  comunicazione, sostenibilità ambientale e salvaguardia delle risorse naturali.

Anna è già stata membro della giuria internazionale nel 2017.

 

 
 

Thierno Diouf

È responsabile del programma presso il Servizio Pubblico Regionale di Bruxelles per l'istruzione superiore come geografo, con una specializzazione in gestione integrata delle risorse idriche e geomatica.

Ha insegnato diversi anni geografia e studi ambientali ed è molto interessato all'educazione ambientale.

Thierno è già stato membro della giuria internazionale nel 2017.

 

Christine Knauff

è il direttrice di STARTER. Dice: "Dopo molti anni di lavoro in teatro, dal 2005, ho creato STARTER, la Scuola per attori per film e televisione di Berlino con colleghi di cui mi fido professionalmente e personalmente. www.starter-schauspielschule.de

La mia preoccupazione è una preparazione realistica dei giovani per il lavoro quotidiano degli attori. Allo stesso tempo, le persone coinvolte dovrebbero cercare, discutere e imparare intensamente. Il confronto e la combinazione di diverse tecniche e approcci di recitazione è molto importante per me.

Una comunicazione onesta e intensa, l'incontro diretto, l'accettazione, l'esplorazione e l'uso di tutti i mezzi a disposizione delle persone come mezzo di espressione sono di fondamentale importanza per me, specialmente nei periodi di digitalizzazione ".

 

Kamel Labibes, PhD

è fondatore di Ayam Sailing Europe (ASE), un'associazione internazionale impegnata nella mobilità dei giovani e nella protezione dell'ambiente marino. Nel 2008, il Presidente della Repubblica Italiana ha concesso il suo Alto Patronato ad uno dei progetti dell'associazione.

Kamel ha conseguito un dottorato in ingegneria ed è autore di quattro brevetti. È l'iniziatore del concetto di "Pedagogical Sailboat", uno strumento multidisciplinare che collega ricerca, insegnamento e navigazione a vela con attività finalizzate alla protezione del mare e in generale dell'ambiente marino.

 

Doudou Ndiaye

È insegnante principale di scuola di classe eccezionale. È un manager in servizio presso il Collegio di educazione alle medie Abdoulaye Sadji (Cemas) a Rufisque, in Senegal.

Doudoud è presidente e membro fondatore dei Centri di formazione per i metodi di educazione attiva (Ceméa) di Rufisque, ha un particolare interesse per l'insegnamento, lo sport e l'interculturalità, ma anche per la consapevolezza generale dell'ambiente. Il suo interesse per lo sport gli ha permesso di integrare la pratica dello sport e la salvaguardia dell'ambiente attraverso attività che combinano sport e natura. È attivamente coinvolto nella professionalizzazione delle Organizzazioni communicarie di base (OCB).

I Ceméa rappresentano un vasto movimento di educatori di tutte le origini che lavorano per un'educazione in cui ogni bambino, adolescente, adulto, è consapevole del mondo che lo circonda, lo appropria, lo fa evolvere, lo modifica in una prospettiva di progresso individuale, collettivo e sociale.

Doudou è già stato membro della giuria internazionale nel 2016.
 

Bolaji Ojurongbe

insegna inglese e letteratura in inglese. Ha insegnato in molte importanti scuole private e tutorials. Ha studiato educazione inglese alla Lagos State University, Ojo, Lagos. È un poeta, uno scrittore di racconti e un saggista. Ama scrivere di argomenti legati alle donne e immaginare l'impostazione pastorale nel suo lavoro. Ha scritto molti lavori ancora da pubblicare. Vuole usare le sue opere per correggere alcuni punti di vista sulle donne e fare appello alle persone per abbracciare la natura.

Al suo attivo "My Love" pubblicato da PenAstory, "Be Happy" pubblicato da Nantygreens e Bravearts. Il suo racconto intitolato 'The Dead Rose' è in corso in una competizione.

Mariella C. Remund

Professore illustre presso la CETYS University, in Messico, e professore ospite presso la Northwestern Polytechnical University, Xian, Cina. Ha vissuto e lavorato come dirigente per una multinazionale americana in Europa, USA, Argentina, Messico e Cina.

Dal 2008 è co-fondatrice, comproprietaria e curatrice principale di un museo d'arte privato in Germania dedicato al lavoro e alla vita dell'artista messicana Frida Kahlo. Nel 2012 il Museo è stato riconosciuto dal Segretario della Cultura in Messico come una delle due istituzioni culturali che rappresentano meglio il Messico in Germania.

Vive e lavora a Pechino dal 2003.

Pubblicazioni: sull'imprenditorialità culturale, sociale e sostenibile, ha sviluppato il modello di imprenditorialità all'incrocio tra arte, scienza e affari. Ultima pubblicazione: il libro culturale: "Il drago e l'aquila", 2017, che mostra quanto simili siano le culture cinese e messicana. Le foto del libro saranno esposte in una mostra d'arte presso l'ambasciata messicana a Pechino nel giugno 2018.

 

Stefanie Schwimmbeck

ha lavorato come Ballerina de danza contemporanea freelance, insegnante di danza e coreografa per e con bambini e adolescenti sin dai suoi studi all'Università di Musica e Danza di Colonia.
 
Lavora in Germania e all'estero. In vari progetti di danza giovanile suoi cerca di sensibilizzare i partecipanti sulla gestione dell'acqua e di altre risorse.

Per diversi anni è stata intensamente coinvolta nella vita senza sprechi e nell'organizzazione di campagne di raccolta rifiuti sul fiume Reno.

Claudia Wosnitza Mendo, PhD

É una scienziata tedesca che ha lavorato dal 1978 con l'Istituto marino peruviano (IMARPE). Durante gli ultimi anni precedenti al pensionamento è stata consulente del direttore scientifico dell'IMARPE. Il suo principale campo di ricerca è correlato ai problemi della pesca, introducendo corsi sulla dinamica delle popolazioni di pesci nei curricula di varie università peruviane e facendo ricerca per la sostenibilità e la buona gestione della pesca. Infine è entrata anche nel campo del cambiamento climatico e del suo impatto sulla pesca.

Tra l'altro, ha collaborato per alcuni anni (2005-2008) con INCOFISH, con una rete di ricerca internazionale selezionata come "Progetto Stella" e promossa dall'Unione Europea. Più recentemente ha pubblicato una ricostruzione delle catture reali della pesca peruviana.

Claudia è già stata membro della giuria internazionale l'anno scorso.

 

Maria del Carmen Patricia Morales (PhD)

É il membro del Consiglio di Mundus maris che appoggia e coordina il lavoro della Giuria Internazionale per i testi e i lavori illustrati che partecipano al concorso a premi per giovani Mundus maris 2018.