Il museo di storia naturale su una collina a Göteborg, a pochi passi dal campus universitario di Linné, è un posto da non perdere se si vuole vedere ciò che è stato soprannominato "la balena di Malm", un giovane maschio di balena blu, l'unica balena imbalsamata in mostra nel mondo. Rimasta spiaggiata il 29 ottobre 1865 nella baia di Askim vicino a Göteborg, la balena fu trovata da un pescatore locale, Olof Larsson, e venduta ad August Malm, allora curatore del museo.

E' stata una lotta epica per salvaguardare la balena, trasportarla e rimuovere il grasso, gli organi interni, preservare la pelle ecc. quando stava già iniziando la putrefazione. Il fetore era indescrivibile. Le dimensioni e il peso erano un'enorme sfida per l'ambizione di Malm di preparare l'animale intero.

Con l'aiuto delle sue precedenti misurazioni e fotografie, Malm preparò uno schizzo della balena in scala 1:10. Questa era la base per un modello che è stato fotografato e replicato con un calco. Una struttura sottile a grandezza naturale di pino era la costruzione finale su cui montare la pelle.

Quando tutto è stato detto e fatto, la grande bestia proveniente dal profondo del mare poteva andare in giro!

Nel 1866 fu esposta alla Fiera dell'Industria e dell'Arte di Stoccolma. Come ci è arrivato? Tagliata in sei grandi sezioni che sarebbero state appena delle dimensioni per adattarsi ai vagoni chiusi.

Era l'attrazione della fiera con i sovrani che bevevano caffè nella sua pancia rivestita di stoffa blu con stelle dorate.

Anche i normali mortali sono stati in grado di entrare nell'animale lungo 16 metri a pagamento. Poco prima della fine del secolo, l'accesso era comunque stato chiuso. Ora è ammesso solo per occasioni speciali, come ad esempio il giorno delle elezioni svedesi ogni quattro anni, "valdagen", che letteralmente significa "giorno della balena".

Cliccare qui per ulteriori dettagli sulla storia visualizzata proprio accanto alla Balena di Malm nel museo (Fonte: Leviatan från Göteborg, Grönberg & Magnusson, Glänta Produktion, 2002).

Fotos di Cornelia E Nauen.